Lussureggiante tropicale

PAESAGGI

SCOPRIRE

Repubblica Dominicana

"Se c'è un paradiso per me, sono sicuro che ha una spiaggia attaccata ad esso"

Portami all'

OCEANO

i colori della

NATURA

LA STORIA COLONIALE

La Repubblica Dominicana fu esplorata da Colombo nel suo primo viaggio nel 1492. La chiamò La Española, e suo figlio, Diego, fu il suo primo viceré. La capitale, Santo Domingo, fondata nel 1496, è il più antico insediamento europeo nell'emisfero occidentale. La Spagna cedette la colonia alla Francia nel 1795, e i neri haitiani sotto Toussaint L'Ouverture la conquistarono nel 1801. Nel 1808, il popolo si ribellò e conquistò Santo Domingo l'anno successivo, fondando la prima repubblica. La Spagna riacquistò il titolo alla colonia nel 1814. Nel 1821 fu rovesciato il dominio spagnolo, ma nel 1822 la colonia fu riconquistata dagli haitiani. Nel 1844, gli haitiani furono cacciati e la Repubblica Dominicana fu fondata, guidata da Pedro Santana. Le rivolte e gli attacchi haitiani portarono Santana a fare del paese una provincia della Spagna dal 1861 al 1865. Il presidente Buenaventura Báez, di fronte a un'economia in rovina, tentò di far annettere il paese agli Stati Uniti nel 1870, ma il Senato americano rifiutò di ratificare un trattato di annessione. Il disordine continuò fino alla dittatura di Ulíses Heureaux; nel 1916, quando il caos esplose di nuovo, gli Stati Uniti mandarono un contingente di marines, che rimase fino al 1924. Un sergente dell'esercito dominicano addestrato dai marines, Rafael Leonides Trujillo Molina, rovesciò Horacio Vásquez nel 1930 e stabilì una dittatura che durò nel tempo. fino al suo assassinio nel 1961, 31 anni dopo. Nel 1962, Juan Bosch del Partito Rivoluzionario Domenicano di sinistra divenne il primo presidente eletto democraticamente in quattro decenni.

"La propria destinazione non è mai un luogo, ma un nuovo modo di vedere le cose"

tradizioni antiche e

RITMI ESOTICI

Villa Mango

Villa Avocado

Villa Papaya

Villa Tamarindo

Villa Mandarino